Sommario sezioni

salta il link home e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Sito web istituzionale del Comune di Ferrara > Il Comune > Consiglio Comunale > Gruppi Consiliari > Gruppo Partito Democratico > Interventi e Comunicati del Gruppo PD > Risoluzione su Mozione per individuare una sede più idonea per il Museo del Risorgimento e della Resistenza -
salta i contenuti principali a vai al menu

Risoluzione su Mozione per individuare una sede più idonea per il Museo del Risorgimento e della Resistenza -

dei Gruppi consiliari PD, Azione Civica e Gente a Modo
Ferrara, 12 ottobre 2020
 
       Al Sig. Sindaco
       Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale
 
Oggetto: Risoluzione su Mozione per l’individuazione di una sede più idonea per il Museo del Risorgimento e della Resistenza - P.G. 76944/20.
 
 
Premesso
 
Che è stata presentata la Mozione per l’individuazione di una sede più idonea per il Museo del Risorgimento e della Resistenza;
 
Che la Resistenza è stato un movimento di donne e uomini che hanno combattuto con le armi e non solo, per liberare l’Italia dall’occupazione tedesca e dal regime fascista, ma soprattutto è stato un laboratorio di idee che ha unito tutte le forze politiche, sociali e religiose del paese che si sono opposte al tipo di società imposta dal fascismo, fatta di tirannia, soprusi e violenza;
 
Che muovendo da quel movimento di idee democratiche è stata redatta la Carta Costituzionale i cui contenuti, dai Principi Fondamentali ai Rapporti Civili, Etico e sociali, all’ordinamento della Repubblica, sono stati attentamente valutati e pesati con l’obiettivo di cancellare nella vita degli italiani ogni traccia di quella che era stata la tremenda esperienza della dittatura fascista, inserendo ogni accorgimento giuridico necessario a scongiurare il ripetersi di quella esperienza;
 
Appreso
 
Della proposta avanzata dal Presidente di Ferrara Arte, On. Vittorio Sgarbi di intitolare una via al gerarca fascista Italo Balbo,sembrerebbe  per le sue indiscusse abilità aviatorie;
 
Valutato
 
Che Italo Balbo prima di diventare  aviatore, si è distinto quale squadrista che usava andare nelle campagne ferraresi a picchiare i braccianti, colpevoli di avere l’ardire di rivendicare condizioni di lavoro più umane e un salario più equo;
 
Che non ha avuto remore a ordinare l’uccisione di un prete scomodo come Don Minzoni, reo ai suoi occhi di prendere la parte degli umili  braccianti impiegati nelle terre argentane;
 
Che nei suoi diari si vantava di dare fuoco alle case del popolo e di mettere a ferro e fuoco i paesi della Romagna e del ferrarese che attraversava con le sue squadracce;
 
Che il ventennio fascista dovrebbe essere oggetto di approfondimenti critici, studio e conoscenza per le giovani generazioni e non solo;
 
Che la legge Scelba del 1952, punisce l’apologia di fascismo che ai sensi dell’art. 4 si configura anche  quando si esalta un esponente del regime fascista;
 
Che la città di Ferrara ha dato il giusto riconoscimento alla duplice impresa aviatoria che nel 1930 e nel 1933, ha visto partire da Orbetello diverse squadriglie di idrovolanti per una trasvolata atlantica che li ha portati la prima volta in Brasile e la seconda  volta negli Stati Uniti, infatti da molti anni a sud della città è stata intitolata una via ai Trasvolatori Atlantici;
 
Che quindi,  intitolare una via a Italo Balbo avrebbe soltanto il senso di esaltare le gesta di uno squadrista violento, ideologo di un regime basato sulla tirannia e l’annientamento delle più elementari libertà civili, politiche e sociali;
 
Che il valore della toponomastica è quello di esaltare il pensiero, le gesta e le opere di persone che nei vari campi della vita, hanno rappresentato un punto di eccellenza tale da essere modello, elemento di vanto ed emulazione per le generazioni future;
 
Considerato
 
Che la città di Ferrara è insignita della Medaglia d’Argento al Valor Militare e alla Resistenza, onorificenze che vengono ricordate nelle più importanti celebrazioni delle ricorrenze civili nazionali;
 
Che soltanto un anno fa questo Consiglio Comunale, si è pregiato di concedere all’unanimità la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, lei ebrea, vittima come centinaia di migliaia di italiani ebrei, oppositori politici, IMI, rastrellati dai fascisti repubblichini e consegnati agli aguzzini nazisti per l’invio nei campi di sterminio tedeschi;
 
Il Consiglio Comunale di Ferrara impegna il Sindaco e la Giunta
 
A rigettare proposte di intitolazione a Italo Balbo, siano esse relative a Vie, piazze, spazi o immobili pubblici o aperti al pubblico.
 
 
I Consiglieri comunali:
 
Gruppo PD – Francesco Colaiacovo
 
Gruppo Azione Civica – Roberta Fusari
 
Gruppo Gente a Modo – Dario Maresca
 
Ultima modifica: 16-10-2020
REDAZIONE: Gruppo Partito Democratico
EMAIL: gruppo-partitodemocratico@comune.fe.it